di hélène binet, 25 settembre 2015

Questo è il tipo di progetto che dà la patata in questo campo di Bad Agricultural News. 13 aziende agricole del futuro scendono per finanziare i loro progetti creativi, audaci, innovativi, ecologici e riproducibili. Li seguiamo al 200%.

Ricorda … L’avventura delle 13 aziende agricole del futuro ha iniziato la scorsa primavera con un concorso: la Francia cerca le sue 13 aziende agricole del futuro. La chiamata viene quindi gridata su tutti i tetti dei fienili e delle stalle dell’esagono. 200 nominations gregge, dalla Bretagna alla Corsica. La giuria ricopre il fine settimana e le serate, in una molla ancorata di fronte a così tante buone idee. E poi è il verdetto: alla fine di giugno, viene mantenuta una fattoria di Big New Region.

“All’alveare che dice Sì! Offriamo produttori Un servizio tecnologico per aiutarli a commercializzare i loro prodotti, spiega Guilhem Chéron, co-fondatore dell’alveare che dice Sì!. Con questo concorso, interviamo loro più a monte e li accompagniamo Nell’ottimizzazione dei loro strumenti di produzione. Speriamo anche che l’energia, l’esperienza e la motivazione dei Laureati saranno contagiosi e creerà le vocazioni. “

Sono alcuni da dirlo. Incontra tutti questi leader del progetto quest’estate quasi ci ha fatto abbandonare la nostra tastiera. “Vogliamo che tutti i cittadini venissero consapevoli del fatto che l’agricoltura che rispetti la terra e gli uomini è l’unica a essere in grado di registrarsi nella sostenibilità, continua Maxime de Rostollan, Presidente della fattoria dell’associazione Farms of Farms. È anche l’unico in grado di creare lavori, per modellare bellissimi paesaggi per le nostre campagne. È grazie agli agricoltori che saremo in grado di rivitalizzare le aree rurali. “

In questo autunno 2015, i 13 Laureati hanno già vinto € 10.000 grazie a i partner della campagna. Ed è ora a te giocare in modo che possano raccogliere i 30 000 € necessari per il successo del loro progetto. Una collezione è stata appena lanciata sulla piattaforma Blue Bees, specializzata nel finanziamento dell’agroecologia. Continuerà fino al 23 novembre. I 13 progetti dei Laureati sono presentati, supportati video, per raccogliere un massimo di fondi. Obiettivo: 300 000 € in 60 giorni! Contiamo su di te?

I 13 vincitori dei progetti

  • Bretagna / Saint-Dolay, Morbihan
  • Azienda agricola del Meunier: energia con piccolo latte

Nel cuore di Morbihan, Pierre vorrebbe equipaggiare con un micro-metanizer. Obiettivo ? Trasformando il siero della siero della fabbrica del formaggio in biogas e quindi nutrire senza una goccia di olio o un grammo di energia nucleare il veicolo di consegna, la fabbrica di formaggi, la cucina della fattoria e l’essiccatore mobile con miglio e saraceni.

  • Centro / Broué, Eure e Loir
  • Azienda agricola di Orversilliers: la versione organica Beauce

The Beauce conosce solo la grande cultura intensiva? Benjamin, Adrien e Hélène prendono un modo completamente diverso. Convertono il loro sfruttamento in biologici, alberi piante, ricerca partecipativa, cambia i loro cereali del pane. In breve, inventare un nuovo destino per la pianura.

  • midi-pyrénées, Linguadoca-Roussillon / Riveresert, Ariège
  • I giardini dei mali: cavalli elettrici

Immagina un cavallo produttore di energia elettrica. A Ariège, Guillaume e Melina rivivono l’otturatore, una macchina trottatrice di cavalli e uscire dai watt. Auto-costruito, facilmente riproducibile, produrrà un’energia quasi libera e renderà l’energia autonoma dell’azienda agricola.

  • Champagne-Ardenne, Alsazia, Lorena / Schopperten, Basso Rhin
  • Azienda agricola Della vecchia pera: funghi con gamberi

Poiché le loro terre alsaziane sono inondate ogni anno, Charles e Lauriane scavaranno uno stagno. Nell’acqua, aumeneranno gamberi. E per fare una piccola ombra ai crostacei, piantiranno i lavoratori di frutta. Chi dice che i tronchi dice i funghi? Lauriane intraprenderà la coltivazione di CEPS e shiitaked. Una superba agricoltura circolare in cui gli sprechi di alcuni fanno la felicità degli altri.

  • Normandia / Val Saint-Padre, Manche
  • Fattoria di piccoli cambiamenti: fornelli-fornelli

Un contadino ha bisogno di 35 ettari per vivere, rivendicare le statistiche delle autorità agricole. Una controcorrente e una vista sulle maree di Mont Saint-Michel, Marie, Emarico, Camille e Kevin inventa 18 ettari una nuova agricoltura collettiva e desideri aprire il proprio ristorante al 100% agricoltore.

  • Provence- Alpes-Côte d’Azur / Chabottes, hautes Alpes
  • Il righello degli obiettori: api e uomini

Le loro api hanno sofferto troppo, non vogliono più farli viaggiareNella valle di Champsaur, Clémentine e Jonathan fanno la scelta dell’apicoltura sedentarizzata. Le loro api, desiderano nutrirle con i fiori giusti che sono cresciuti nella loro futura serra bioclimatica.

  • pays de la loira / durtal, maine-et-loire
  • Fattoria di piccoli passi: culture nel plurale

“L’idea generale è quella di dare alla fattoria una funzione nutriente non specializzandosi” spiega Jérôme installato nel Maine-et-Loire. Questa versatilità è valida anche per le strutture agricole in grado di fornire diverse funzioni: asciugatrice, chopper, turbina eolica per pompare acqua … ingegnoso no?

  • nord, Piccardia / valuta, somma
  • Verdure dell’inizio: Cannery partecipativo

L’ecologia, la collaborazione, l’innovazione fa parte delle fondamenta della fattoria di Nicolas. In Picardy, l’ex scienziato informatico converte gradualmente tutte le sue terre in agricoltura biologica. In futuro, immagina un consigliere partecipativo da creare con piccoli e grandi chef di verdure, cavità di cavità e miele pop in fattoria.

  • Borgogna, Franca-Comté / Vernot, Golden Coast
  • La lumaca Bourguignon: produzione a basso contenuto di carbonio

Potrebbe essere la dieta del futuro in modo che la produzione delle lumache non pesano pesantemente sulle risorse del pianeta. Vicino a Digione, Frédéric desidera fare due scatti di una pietra: pianta un frutteto commestibile per diversificare la sua produzione e riparare i suoi animali con le corna.

  • Poitou, Limousin, Aquitania / Moncrabeabea, Lotto. – e-Garonne
  • al tasso delle stagioni: agricoltura collettiva

Perché stare da solo nel suo angolo quando puoi unire i suoi punti di forza e abilità? Market Gardeners-Musicians, Paul e Maxime fecedano un gran numero di agricoltori in Lot-et-Garonne attorno al loro progetto agro-culturale. Una piccola musica, molte culture per rivitalizzare le campagne.

  • Auvergne, Rhône-Alpes / Lukes, Haute-Savoie
  • Pensiero selvaggio: open source Tooling

Grazie ad una vera partnership con gli Amaps di Haute Savoie, Matteo, Jerome e Gwenael hanno il tempo di pensare la Terra. Con il laboratorio contadino, immaginano questi strumenti che rilasciano i contadini. Presto un culticlice, una bicicletta dei campi che lo sanno come piantare come piantare.

  • corsica / zaffaranu, cozzano
  • bocca: l’azienda collegata

Una fattoria collegata al cuore delle montagne della Corsica? Questo è il progetto di Maria e Sylvain, produttori di miele e zafferano. Il loro progetto è diventare una fattoria intelligente con sensori e analisi. Nella vita reale, intendono anche accogliere il pubblico nella loro fattoria bioclimatica ostello.

  • Île-de-France, Dom / Arnouville les Mantes, yvelines
  • fattoria di HeurteLup : Agricoltura Liber-Terre

La Terra come comune: Nei Yvelines, Nicolas apre la sua fattoria a chiunque voglia riabilitare. Il progetto prevede di organizzare questa fattoria condivisa, ri-strutturare gli edifici, per diversificare l’attività, per organizzare la reception e la formazione. Per aiutare a lanciare un movimento collettivo e cittadino per mettere i vivi nel cuore della società.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *