Informazioni pratiche

The Coffee Grinder, 1439 York Ave, New York, NY 10075
Lunedì lunedì-venerdì 07h-19h; Sabato 08h-19h; Domenica 08h-18h
Ulteriori informazioni qui

Ogni giorno della settimana, tra il 76 e la 77th Street prende uno strano balletto. Dalle 7 del lunedì, le mamme francesi, accompagnate dai loro figli, si precipitarono in un caffè.

Aperto due anni e mezzo fa, vicino alla scuola superiore francese, il macinacaffè è diventato un breve periodo , il quartier generale delle mamme francesi della parte superiore est. Dietro le finestre, i croissant, i pane al cioccolato e i pasticcini stanno guardando i passanti. Sei avvertito: sarà difficile resistere. Sui scaffali, fette biscottate, tazze, BN, LU Barquets, senape Amora e altri prodotti della tua infanzia. In una stanza spaziosa sul retro, antincendio antincendio.

Questa mattina viene premuto le mamme. È il ritorno delle vacanze di febbraio. “La casa è un vero campo di battaglia,” getta una di lei prima di chiedere il suo prossimo se può andare a prendere sua figlia alla fine della scuola, il giorno dopo. Organizzazione, stracci, razze, mamme che giocano tra la vita dei genitori e la carriera. Indietro degli obblighi di vacanza, la lavatrice è presto al centro della conversazione: “Downjacuzzus? Li ho messi freddi, “consiglia uno mentre un altro racconta il ritorno a New York il giorno prima, a tarda sera.

La persona dietro il macinino del caffè è … un uomo. Dopo 17 anni di servizio buono e fedele responsabile del protocollo all’interno della delegazione delle Nazioni Unite, Yann Ndiaye lascia la sua posizione: “Ho una quota di imprenditore, per molto tempo volevo iniziare la mia compagnia. All’inizio ho avuto un wine bar , spiega il proprietario. Mi sono detto che se non lo facessi ora non lo farei mai “. A 49, fa il grande salto.” Volevo offrire un posto per la comunità francese. Volevo qualcosa di moderno e rustico subito “.

Così nasce la smerigliatrice del caffè, un panetteria, pasticceria, negozio di alimentari, ristorante Le mezzogiorno e … Aula al momento del gusto quando vengono gli studenti LFNY fuori kit e taccuini per fare i compiti, con la loro mamma o una bambinaia.

“È buono, quando sei espatriato, per trovare un posto dove sei senvenlato come a casa” spiega una madre. Vive Sandra A New York per 18 anni e adottato il mulino del caffè dalla sua apertura. Suo figlio, Leo lo accompagna: “Mi piace venire qui perché c’è pieno di cose buone”, dice, la bocca piena. “Lo prendiamo dopo la scuola qui, è il nostro momento privilegiato per entrambi”, conclude.

carole, vive a Soho. “Ci sono un sacco di trucchi francesi -Bas ma non è la stessa cosa . Qui c’è una qualità dei prodotti che non troviamo altrove “. È vero che la reputazione dei croissant di Yann Ndiaye non è più da fare.

“Tutto sta andando troppo veloce a New York. Qui, il tempo si ferma”, spiega Anne prima di fare una pausa.. E per aggiungere: “Questo posto è come a casa”.

“Ogni mattina, ho messo a scuola mio figlio. Vengo facilmente due o tre volte a settimana qui, vedi se ci sono persone che conosco” Spiega Magalie, arrivando a New York tre anni fa.

È un mulino a caffè uno dei suoi amici lo presentato ad altre mamme. Inoltre, da settembre, il caffè accoglie “caffè APL”. Questo raduno di genitori di studenti delle scuole superiori francesi mira a integrare le nuove famiglie di LFNY. Cosa nutre il HQ di mamme.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *