Avanzato

Nome in inglese

Learning cooperative

Riepilogo introduttivo

per completare

Strategie correlate

Le politiche correlate includono:

  • strategie di apprendimento peer-assistito;
  • apprendimento del team;
  • apprendimento del team;
  • apprendimento collaborativo.
  • jigsaw

Tipo di strategia

L’apprendimento cooperativo può essere utilizzato come macrobritage o microstrategie.

Tipo di conoscenza

L’apprendimento cooperativo è una strategia di insegnamento e una strategia di apprendimento (Howden, 1997).

L’insegnante deve insegnare capacità di cooperazione Abilità cognitive (discutere, categorizzazione, controllo) e sociale (rispetto per l’altro, ascolto, aiuto reciproco). Deve avere la capacità di incoraggiare e sviluppare le capacità cooperative dei suoi studenti in quanto questa strategia è utilizzata in classe in modo che usino abilità cooperative senza dover pensarci. Per fare ciò, sono necessarie buone competenze interpersonali relative alla comunicazione, all’ascolto e all’assistenza reciproca. Nel tempo, dovrebbe sorgere un senso di appartenenza alla squadra ciò che incoraggerà i membri del team a lavorare insieme (Howden, 1994).

Tutti i tipi di conoscenza possono essere insegnati tramite questa strategia, ma quelli di tipo-atto Il tipo e la risoluzione dei problemi sono particolarmente appropriati.

L’apprendimento cooperativo è una strategia che sostiene l’apprendimento e la risoluzione dei problemi dei piccoli gruppi. L’insegnante guida e supporta gli studenti ad apprendimento efficace e autonomo, valuta le competenze e i valori degli studenti a lavorare in collaborazione; (Insegnamento e valutazione delle abilità sociali).

Anche, le conoscenze metacognitive si sviluppano attraverso il conflitto socio -ignitivo. Infatti, secondo DOISE e MUGNY (1981), il confronto tra i pari è un corriere di apprendimento nella misura in cui gli studenti devono riesaminare il loro punto di vista, decentrarsi, giustificare, discutere e comunicare chiaramente.

Descrizione

Nell’apprendimento cooperativo, le attività proposte agli studenti si basano sulla cooperazione. La continuazione degli obiettivi di apprendimento è fatta assicurando che gli studenti lavorino per raggiungerli stessi sostenendo altri membri del loro gruppo. Gli obiettivi sono quindi condivisi.

Secondo Tardif (2009): “L’apprendimento cooperativo è un’organizzazione dell’istruzione che coinvolge il sostegno e l’aiuto reciproco degli studenti, grazie alla creazione di piccoli gruppi eterogenei che lavorano secondo pre –Stabled processi, garantendo la partecipazione di tutti e tutti al completamento di un compito della scuola. “

Le condizioni di implementazione

Secondo Tardif, il concetto centrale nell’apprendimento cooperativo è basato su Principi fondamentali:

  • interdipendenza positiva;
  • responsabilità individuale;
  • l / li>
  • la valutazione del funzionamento del gruppo;
  • L’interazione della classe;
  • L’importanza del compito in cui la cooperazione ha aggiunto valore;
  • il clima favorevole;
  • il comune obbiettivo.

L’organizzazione dell’insegnamento richiede modifiche alla gestione della classe, il ruolo dell’insegnante e il ruolo dello studente. Infatti, buona preparazione, è necessaria una buona conoscenza degli studenti di classe e una comprensione dei benefici dell’apprendimento cooperativo. Anche gli strumenti pedagogici e le condizioni materiali devono essere appropriati (Aylwin, 1994). L’insegnante gioca un facilitatore e talvolta mediatore. Non dovrebbe intervenire all’interno di un gruppo che in caso di stallo. Deve assicurarsi di mantenere una dinamica di gruppo positiva. Deve preparare gli studenti in classe insegnando le loro capacità di cooperazione e autoregolamentazione in modo che tutti possano partecipare al Gruppo. Gli studenti lavorano insieme e si aiutano a vicenda per raggiungere un obiettivo comune. È la sensazione di appartenere a un gruppo che dà origine a un senso di fiducia (Howden, 1997).

Due importanti concetti di apprendimento cooperativo sono l’interdipendenza positiva e la responsabilità individuale. L’interdipendenza positiva è espressa dal legame tra i membri del Gruppo. Questo link esercita una forma di pressione su di loro in modo che decidano di collaborare.L’insegnante, attraverso la creazione di obiettivi, premi, compiti, ruoli, forze esterne o ambiente di lavoro per il controllo sull’interdipendenza dei gruppi. (Howden e Kopiec, 2000)

Il complemento per l’interdipendenza positiva è la responsabilità individuale. Ogni membro del Gruppo è responsabile di fare un lavoro e deve essere in grado di dimostrare i suoi sforzi (UQTR, ND).

alcuni elementi che devono essere presi in considerazione nella creazione dei gruppi di lavoro:

  • i gruppi devono essere composti da tre a cinque studenti;
  • i gruppi devono essere eterogenei;
  • la loro creazione è casuale per un breve termine a breve termine.

Nota che i gruppi possono essere addestrati dall’insegnante o dagli studenti, a seconda dell’obiettivo dell’attività di apprendimento. Maggiori dettagli nella sezione Group Learner.

I passaggi di implementazione secondo Tardif (2009):

  • Gli studenti di interesse presso l’apprendimento cooperativo;
  • Plan Lezione e determinare il tipo di valutazione;
  • decidono sull’organizzazione fisica della classe;
  • assegna ruoli e ricorda le aspettative;
  • osservare, supervisionare e intervenire di fronte ai bisogni;
  • Valuta prestazioni e aiuto durante la valutazione del Gruppo.

Alla luce di ciò che abbiamo appena detto, la tabella seguente è una sintesi dei benefici dell’apprendimento cooperativo secondo Lavergne (1996), Aylwin (1994 ), Johnson, Johnson e Holubec (2008) e Arcand (2008) e Arcand (1998).

Tabella 1. Vantaggi dell’apprendimento cooperativo

elementi cognitivo social emotivo gestione della classe
Descrizione Migliore ritenzione di informazioni, studente al centro dell’attività intellettuale del corso, varietà di intellettuali di operazioni effettuati durante il lavoro e gli scambi Sviluppo di competenze personali e relazionali, Auto-conoscenza, Gestione dei lavori di squadra Sviluppo della fiducia degli studenti, aumento dell’autostima, il clima di sicurezza emotiva contribuisce a più motivazione e autonomia nello studente eterogenico , Autonomia e gestione di comportamenti indesiderati, partecipazione di tutti incoraggiati grazie all’interdipendenza positiva
Esempio di applicazione L’espressione verbale è favorita in un corso di lingua , lo sviluppo di competenze trasversali ad esempio effettuare un riepilogo, esprimere chiaramente le sue idee, argomentare miglioramento delle capacità comunicative (ad esempio, ogni turno a turno) pratica attivo ascolto ed esprimere Disaccordo con rispetto Fai lavorare insieme Le persone che non parlano la stessa lingua le forze da comunicare in francese

I termini “apprendimento cooperativo” e “apprendimento collaborativo” sono talvolta usati come sinonimi, ma ci sono distinzioni che non sono unanime tra gli autori (Béliveau, 2011):

” L’apprendimento cooperativo è un metodo di insegnamento con cui Studenti, riuniti in piccole squadre, lavorano insieme per raggiungere un obiettivo comune (Slavin, 1985). Henri e Ludgren-Cayrol (2001) ritengono che l’apprendimento collaborativo sia distinto da un alto grado di autonomia concesso agli studenti e alla flessibilità. Lo studente è descritto come un individuo che si impegna all’interno di un approccio attivo alla costruzione della sua conoscenza; Partecipa anche all’approccio dei suoi pari, pur riconciliare i suoi campi di interesse e i suoi obiettivi personali. “

Tabella 2.Similazione e differenze tra apprendimento cooperativo Apprendimento collaborativo

Dimension Lavoro di squadra Learning collaborativo apprendimento cooperativo
Costituzione delle squadre gratis: omogeneous (affinità) intenzionale (spesso eterogeneo) intenzionale (spesso eterogeneo)
Attività non con poco con poco strutturato piccolo per abbastanza strutturato molto strutturato
ruoli nessun ruolo; Distribuzione del lavoro da parte dei compagni di squadra Alcuni ruoli definiti (da parte dell’insegnante) ruoli molto definiti (da parte dell’insegnante)
Task DECOMPOSIZIONE DEL TASTO IN PARTI Attività individuali Variante Attività comuni fatte da tutti
obiettivo comune variabile Variazioni individuali attorno a un obiettivo simile un obiettivo comune
Interdipendenza positiva variabile moderato con forte partecipazione irregolare Simili
responsabilità variabile pianificato pianificato

Condizioni Promuovere l’apprendimento

Motivaters Gli studenti sono sollecitati dai loro colleghi per contribuire e quindi sono motivati a partecipare, da condividere e aiutarsi a vicenda (Henri e Lundgren-Cayrol, 2001).

La strutturazione e l’integrazione delle singole conoscenze di contrattazione prende la forma di un’interazione tra le strutture cognitive sviluppate dallo studente e dalla riflessione critica e metacognitiva, che conduce sulla propria conoscenza. La negoziazione sociale consente allo studente di rivedere e ristrutturare le loro prestazioni individuali per adattarle all’ambiente. In questo doppio processo, individuale e collettivo, che può essere realizzato solo nel contesto delle interazioni di gruppo, è importante che gli studenti condividono la stessa lingua, lo stesso universo mentale e culturale e lo stesso obiettivo (Lava, 1993); Altrimenti, le dinamiche tra gli studenti diventano impossibili e l’apprendimento autentico non può essere realizzato (Henri e Lundgren-Cayton, 2001).

Attivare la conoscenza della teoria cognitiva dell’apprendimento “, deve prima disegnare lo studente Recupera la conoscenza pertinente tra le varie strutture e le rappresentazioni mentali che deve fare una nuova assemblea (Li e Jonassen, 1996, citata a Henri-Lundgren, 2001) “.

Secondo John Hattie, l’efficacia della cooperativa L’apprendimento sull’acquisizione della conoscenza tra lo studente è 0.40, che è considerata un’influenza relativamente media ma maggiore di quella dell’apprendimento collaborativo (Corwin, 2018).

Livello di competenza degli studenti

In questo contesto, il Gruppo svolge un ruolo attivo di supporto. Non ha la connotazione di “classe” che riunisce studenti un po ‘artificiali che sono spettatori di insegnamento. Il Gruppo ha piuttosto il significato della “coorte” in cui gli studenti insieme vivono lo stesso evento e partecipano volontariamente alle attività congiunte (Miller, 1995, citate a Henri e Lundgren-Cayrol, 2001). Inoltre, il risultato del lavoro della squadra dipenderà dal coinvolgimento di tutti nella squadra.

La strategia si adatta a tutti i tipi di studenti. Tuttavia, maggiore è il livello di conoscenza degli studenti è alto in un campo, più interazione ci sarà nella squadra e meno l’insegnante sarà chiamato ad intervenire.

Secondo il Laverge (1996), è necessario avviare il processo da attività brevi e semplici. Gli studenti hanno bisogno di imparare a lavorare in modo collaborativo e sviluppare abilità per avere la capacità di lavorare in una squadra. Nel corso del tempo, alcuni studenti diventeranno esperti: “Devi usare una struttura di lavoro che include gruppi di base in cui uno o più studenti saranno rimossi, il momento in cui occupano determinate conoscenze che, quando questi studenti riprenderanno il loro gruppo base. loro esperti. “

Tipo di guida

Il ruolo dell’insegnante

L’allenatore svolge un ruolo importante. “È lo studente che impara dalle sue strutture, ma è l’allenatore che definisce l’ambiente didattico indispensabile per lo sviluppo della conoscenza”. (Henri e Lundgren-Cayton, 2001)

Il ruolo del trainer è più di un facilitatore o guida.Poiché gli studenti sviluppano la capacità di imparare autonomamente e in gruppi, il ruolo del trainer svanisce per lasciare gradualmente gli studenti a prendere in carico il loro apprendimento (Garrison, 1995, citato a Henri, 2001; Fisher., 1995, citato a Henri, 2001, Brown e Palincsar, 1987, citato a Henri, 2001, Collins, Brown e Newman, 1989, citato a Henri, 2001, Cranton, 1994, citato a Henri, 2001).

L’insegnante ha un ruolo vitale di Regolatore e assistenza nello sviluppo del processo interattivo. Per questo, deve osservare e garantire il corretto funzionamento del commercio e intervenire se necessario, senza rompere la dinamica del commercio (Hugon, 2008).

L’insegnante riproduce spesso un facilitatore e talvolta mediatore. I suoi compiti sono numerosi, compresa la promozione in classe un atteggiamento corrispondente agli otto valori essenziali identificati da Howden (1997):

  • aiuto reciproco;
  • l’impegno;
  • oppenness;
  • piacere;
  • uguaglianza;
  • il diritto all’errore;
  • solidarietà;
  • fiducia.

L’insegnante non dovrebbe mai perdere di vista che:

  • gli studenti imparano a diversi ritmi;
  • La partecipazione attiva degli studenti è necessaria per imparare a operare;
  • Gli studenti imparano in base alla loro esperienza di vita;
  • L’apprendimento avviene quando le attività offerte agli studenti sono pertinenti, concreti e gratificanti. Il compito e le attività devono avere senso per lo studente.

La buona preparazione della classe è necessaria e consiste nell’insegnamento delle capacità di cooperazione e autoregolamentazione agli studenti. Dopo aver scelto e adattato il compito e le condizioni del lavoro cooperativo al contesto della classe, l’insegnante deve essere in grado di adattarsi a ciò che accade in realtà nella classe. Deve garantire che tutti gli studenti partecipino a parità di lavoro cooperativo e che i gruppi funzionino correttamente (Reverdy, 2016).

Il ruolo dello studente

Nel contesto della cooperativa Imparare, lo studente non può rimanere passivo. Non ha la scelta di essere coinvolti per imparare, ma anche per avere successo, poiché alla fine, la valutazione sarà individuale. È quindi attivo e ha una responsabilità nei confronti della sua squadra, cioè (D ‘):

  • supporto e aiuta la squadra;
  • scambio e analizzare sul lavoro;
  • Lavorando con i suoi compagni di squadra per ottenere obiettivi comuni.

In una squadra, lo studente deve partecipare alla gestione del lavoro come squadra, assicurarsi il corretto funzionamento della squadra di mantenendo buone relazioni interpersonali e impara. L’esercizio di diversi ruoli all’interno del team garantisce un certo equilibrio e una partecipazione di tutti. È importante ruotare i ruoli in modo che ogni studente abbia familiarità con ognuno di essi.

Per facilitare il lavoro di squadra, Aylwin (1994) suggerisce alcuni ruoli specifici. Ad esempio, il segretario agisce come portavoce del team. È responsabile della registrazione dei risultati e di condividerlo con la classe. Il facilitatore è colui che dà il pavimento e garantisce che tutto sia fatto in relazione. Il documentalista garantisce che ciascuno dei membri del team abbia le attrezzature richieste e conserva il portafoglio del Gruppo. Sapere che i ruoli vengono a sostenere il compito da fare, non esitate a creare altri e ad adattare i suoi ruoli per età e maturità degli studenti.

Tipo di raggruppamento di studenti

Gli studenti lavorano in modalità gruppo o virtuale.

Con Contro, Henri e Lundgren-Cayrol (2001) ci avvertono che:

“Impegnati in a approccio di apprendimento collettivo non significa riprendersi al gruppo per imparare. Tutti lavorano attivamente, a modo suo, alla costruzione della propria conoscenza. Sopra il lavoro di scambio e gruppo, l’apprendimento è ottenuto attraverso la discussione, la condivisione, la negoziazione e la convalida di Conoscenza di nuova costruzione (P.6). “

Idealmente un team Massimizza le interazioni. Più è la squadra più grande, più difficile è gestire. Per Bertucci et al. (2010), ciò che conta è l’equilibrio tra produttività del Gruppo e la capacità dei membri del Gruppo di gestire le interazioni. Logicamente, la produttività aumenta con il numero di studenti, poiché sono soddisfatte più abilità. Ma la gestione delle interazioni viene comprensibile quando il numero di studenti aumenta e i freni, quindi, la produttività.

Nel primario, il doppio gruppo è favorito, ma possiamo associare due team per ottenere un gruppo di quattro.Reverdy (2016) sostengono il raggruppamento in clustering nel diamante quando l’obiettivo è quello di promuovere l’autostima degli studenti o quando gli studenti non hanno l’abitudine di lavorare in collaborazione. Può essere addestrato in un modo specifico allo scopo di creare esperti e anche a concorrenza tra le diverse squadre. Ad esempio, gli studenti possono essere raggruppati in diversi modi: su base eterogenea, ma anche sulla base di affinità personali (raggruppamento con gli amici o tra gli studenti con gli stessi interessi) o per livelli di forza scolastica (Aylwin, 1994). Quando non è l’insegnante che riunisce gli studenti, vediamo che gli studenti tendono a raggruppare da affinità, in prossimità e per settore di interesse. Ci sono diverse possibilità di raggruppare gli studenti. Può anche essere raggruppato con studenti casuali. Qualsiasi dipendente dall’obiettivo dell’apprendimento e della sua durata, l’insegnante sarà in grado di scegliere un particolare gruppo di raggruppamento.

Mezzo di intervento

Ogni ambiente educativo è leato per l’uso di questo strategia. L’apprendimento cooperativo è un metodo altamente pedourante e sociocentrico che consente facilmente l’integrazione dei media e che può essere applicato da Kindergarten all’università per tutte le discipline (Pollhuber, 2015).

on può utilizzare l’apprendimento cooperativo informalmente, per alcuni esercizi o parte del corso, o in modo strutturato per diverse settimane o per un quarto (Aylwin, 1994).

Nel campo delle lingue di apprendimento, della scienza o anche in ingegneria o della medicina, non è raro per vedere questa strategia utilizzata. Ad esempio, presso la School Politecnico di Montreal, Kozanitis si è sviluppata nel 2011 per l’ufficio di supporto educativo, varie risorse per incoraggiare gli insegnanti a utilizzare le attività per incoraggiare l’apprendimento attivo durante i corsi. “Queste attività consentono agli studenti di discutere dell’argomento, imparare a spiegare ciò che hanno capito, per considerare diversi punti di vista, offrire aiuto e ricevere supporto da altri studenti”. Consultare questo documento per una panoramica di queste attività.

nelle attività primarie e cooperative sono spesso utilizzate, soprattutto come a questa età, gli studenti amano sperimentare, toccare e manipolare.
troverai sotto questo collegamento la banca di attività da insegnanti e tirocinanti che hanno partecipato Nell’apprendimento cooperativo che apprende la formazione di base fornita nei consigli scolastici nella regione della città di Quebec e della regione di Chaudière-Appalachi.

A livello universitario o attività di cooperazione per l’educazione degli adulti consente di rompere il metodo tradizionale della presentazione magistrale Questo spesso rende passivi gli studenti. Pertanto, l’impegno è incoraggiato, gli studenti sono più attivi nel loro processo di apprendimento mentre si lavora in profondità sul contenuto. Queste attività assicurano che lo studente impara a conoscersi durante lo sviluppo di un senso di appartenenza al gruppo.

Ad esempio, in una classe linguistica, le situazioni di comunicazione rimangono spesso artificiali. Con l’apprendimento cooperativo, gli studenti comunicano in contesti naturali e significativi. La comunicazione è autentica (Lavergne, 1996).

Un esempio di una situazione reale per illustrare come sta accadendo in un ristorante. In classe, gli studenti giocano al mercato. Un gruppo è il commerciante e l’altro gruppo il cliente. Successivamente, l’insegnante invia un menu a tutti gli studenti, ma determina i ruoli specifici per gli studenti: due saranno i clienti e uno sarà la cameriera. Tutti hanno il vocabolario e devono prepararsi per mettere in scena la situazione nella classe.

Punte pratiche

Alcune domande da porre prima di intraprendere l’apprendimento cooperativo. Questi problemi non informati hanno lo scopo di creare la riflessione e contribuire a preparazione e pianificazione migliore o efficiente, organizzati e strutturati (Lavergne, 1996). Può

  • l’apprendimento cooperativo si rivela dannoso per alcune colture?
  • può qualsiasi attività si avverrà efficacemente in un gruppo?

  • che funzionano quando una squadra finisce meglio altri o quando uno studente insiste a lavorare da solo?
  • Cosa succede se la classe non vuole sapere nulla sul lavoro nei sottogruppi, non concede alcun interesse o pensiero negativo?
  • Come impedire alle persone di dare a determinati compiti individuali per i quali non hanno abilità?

Piccolo codice per l’apprendimento cooperativo secondo la fine (2009):

  • Rispettiamo i diritti degli altri in classe e nel nostro gruppo.
  • Condividiamo hardware, risorse e idee.
  • Ci esprimiamo brevemente e concisamente.
  • Possiamo esprimere tutti noi stessi senza interromperti.
  • Tutti ascoltano gli altri e chiedono domande solo a una persona un tempo.
  • Consentiamo solo commenti positivi sui contributi degli altri.
  • Aiutiamo sempre un membro del gruppo che richiede aiuto.
  • Tutte le idee proposte appartengono a tutto il gruppo.
  • Ci impegniamo a raggiungere un consenso.
  • Ogni membro del gruppo deve approvare la soluzione scelta.
  • Qualsiasi membro del gruppo è uno studente e può commettere errori.
  • Non realizziamo mai altri errori.
  • ci congratuliamo con tutti i membri del gruppo per i loro sforzi.

Come iniziare secondo Pollhuber (2015):

Strutture cooperative semplici (script) di breve durata, squadra di 2 o 3 persone

  • Intervista in 3 passaggi

Fonte: script derivato dall’attività di intervista a 3 stadi di Kagan (1996).

Target: Sviluppa abilità cooperative come l ascolto attivo , Empatia e riformulazione e promuovere un clima positivo.

Dopo aver diviso i team di 4 in sottogruppi di 2, lo studente 1 di ciascun sottogruppo ha messo in discussione il suo partner su un argomento della lezione o della comprensione di un testo. Risponde e poi mette una domanda a sua volta. Torniamo alle squadre di 4. Ogni studente riporta agli altri due ciò che ha imparato o mantenuto. Questo esercizio è utile per la formazione dei membri del Gruppo per esporre il lavoro svolto, per stabilire anticipazioni e per verificare la comprensione.

  • 1-2- 4 o pensa -Pair-share

Fonte: script derivato dalla strategia descritta da Lyman (1992).

bersaglio: per generare riflessioni individuali che saranno approfondite e condivise su diversi occasioni.

Gli studenti dovrebbero discutere di strategie per risolvere un problema, prima come una squadra di due poi come una squadra di quattro. Questo può essere fatto: dopo che l’insegnante ha introdotto un problema in classe, gli studenti pensano e poi si riuniscono come una squadra di quattro. Lavorano in mano e discutono il problema cercando soluzioni. Tutto insieme, quindi confrontano le loro soluzioni e metodologie utilizzate. L’insegnante farà un ritorno e ogni squadra sarà in grado di condividere la classe della sua proposta.

Passa gradualmente a strutture più complesse

  • puzzle (jigsaw)

Fonti: script derivati dall’Aronson e altro Competenza Puzzle Attività (1978) e Kagan (1996).

Target: Promuovere l’acquisizione e l’integrazione della conoscenza mettendo la responsabilità individuale all’interno del proprio team all’avanguardia per promuovere l’interdipendenza positiva. Nota: è preferibile che questa attività abbia luogo a causa di altre attività di cooperazione più semplici.

Questo metodo di apprendimento cooperativo consente agli studenti di acquisire una varietà di prospettive e punti di vista partecipando a gruppi speciali, riunendo insieme e integrando le conoscenze acquisite all’interno di un gruppo. Per ulteriori informazioni, visitare il seguente sito web: https://www.jigsaw.org/

Bibliografia

Aylwin, U. (1994). Lavoro di squadra: perché e come? Pedagogia collegiale, 7 (3), 28-32. Avviato il 9 febbraio 2016 a http://www.cdc.qc.ca/ped_coll/pdf/aylwin_ulric_07_3.pdf

Baudrit, A. (2005). Apprendimento cooperativo: origini ed evoluzioni di un metodo pedagogico. Bruxelles: edizioni dell’università di Boeck.

Béliveau, D. (2001). L’uso del software sociale e del videoconferenza web per sviluppare la presenza sociale e promuovere la collaborazione dei pari nell’apprendimento a distanza. Rapporto di ricerca. Rosemont College. Macchiato il 24 marzo 2016 a http://cegepadistance.ca/wp-content/uploads/2013/01/Utilisation-des-logiciels-sociaux-et-de-la-visioconf%D0%92rence-Web.pdf

Bertucci Andrea et al. (2010). L’impatto delle dimensioni del gruppo cooperativo su conseguimento, sostegno sociale e autostima. Il giornale della psicologia generale, vol. 137, n. 3, p. 256-272.

Corwin. (2018). 250 influenze che abbiamo raggiunto per studenti. Pountato a https://www.visiblelearningplus.com/content/research-john-hattie

DOOSE, W. & Mugny, G. (1981). Lo sviluppo sociale dell’intelligenza. Parigi: intersezioni.

Henri, F., Lundgren-Cayrol, K. (2001). Apprendimento collaborativo da remoto: comprendere e progettare ambienti di apprendimento virtuale. Premi dall’Università del Quebec. Ste-Foy, QC

Howden, J. (1994). Pratico-pratica: cooperare per imparare e imparare a collaborare, Montreal, La Chenelière / McGraw-Hill.

Howden, J. (1997). Successo per apprendimento cooperativo. Comunicazione presentata al 17 ° simposio annuale dell’Associazione Québec della pedagogia collegiativa.Sviato il 20 febbraio 2016 a http://www.cdc.qc.ca/actes_aqpc/1997/howden_5A17_actes_a qpc_1997.pdf

hugon marie-anne (2008). Dall’approccio interattivo pedagogia all’approccio cooperativo all’apprendimento scolastico nel college e alla scuola superiore: alcuni punti di convergenza. In Yviane arrugginendo & Katia Lehraus (Dir.), Verso l’apprendimento cooperativo: riunioni e prospettive. Berna: Peter Lang, p. 165-184.

Johnson, D. W., Johnson, R., & HOLUBEC, E. (2008). Cooperazione in classe (8 ° ED.). EDINA, MN: Interazione della compagnia del libro

Johnson, D. W., Johnson, R.t. (2009). Una storia di successo di psicologia educativa: teoria sociale dell’interdipendenza e apprendimento cooperativo, ricercatore educativo, vol. 38, n. 5 p.365-379. Recuperato da:

Lavergne, N. (1996). Apprendimento cooperativo. Erudito, No. 103, p. 26-29. Spotted il 20 febbraio 2016 a https://www.erudit.org/culture/qf1076656/qf1377390/58556ac.pdf

Reverdy, C. (2016). Cooperazione tra studenti: ricerca alle pratiche. IFE Guarda il file (114).

Slavin, R.E. (1985). Apprendimento cooperativo: squadre degli studenti. Washington, D.C., National Education Association.

Webografia

Posiziona in questa sezione di ulteriori risorse di informazione disponibili sul Web. Ogni risorsa deve essere descritta brevemente. Indicare il collegamento ipertestuale (ovviamente) e la data di consultazione. Prova a citare le tue risorse secondo gli standard APA. Per ottenere ciò, utilizzare la Guida del Professor Couture, inclusa questa sezione della Guida online: Couture, Mr. (2013, Aggiornamento). Adattamento francese degli standard bibliografici di APA. Recuperato dal

Arcand, D. (1998). Apprendimento cooperativo. Laval University, Tact recuperata il 20 febbraio 2016 a http://www.tact.fse.ulaval.ca/fr/html/coop/5act/cadre5.htm

Kozanitis, A. (2011). Attività per incoraggiare l’apprendimento attivo durante i corsi. Scuola di politecnica recuperata il 20 febbraio 2016 a http://www.polymtl.ca/bap/ress_peda/documents/apprentissage_actif_V4.pdf

Pollhuber, B. (2015). Mooc Technopédagogic innovazioni nell’istruzione superiore. Università di Montreal. EDULIB

TARDIF, J. (2009). Apprendimento cooperativo in 10 punti. Recuperato il 9 marzo 2016 a http://www.uqar.ca/files/pedagogie-universitaire/cooperation-prof-09.pdf

www.pagent.com Strategie di insegnamento e apprendimento. Recuperato il 30 marzo 2016.

https://www.jigsaw.org/ recuperato il 30 marzo 2016.

Information Intelligence (risorse disponibili per migliorare La carta)

Abrami, P. (1996). Apprendimento cooperativo. Teorie, metodi, attività. Montreal: Chenelace.

Howden, J., Kopiec, M. (1999). Strutturare il successo. Un programma di attuazione della cooperazione. Montreal / Toronto: Chenelière / McGraw-Hill.

Karababa, Z.C. (2009). Effetti dell’apprendimento cooperativo per il successo dei potenziali insegnanti e l’interazione sociale p. 32-40

Plant, I. (2012). Apprendimento cooperativo: effetti positivi sugli studenti con difficoltà relative alla sua classificazione in classe. Journal canadese dell’istruzione, 35 (4), 252-283. Online: http://www.cje-rce.ca/index.php/cje-rce/article/view/1215/1388

Slavin, R. E., (2010). Apprendimento cooperativo in GK Vibeke (dir.), Apprendimento e cognizione P.160-166, Oxford: Elsevier.

Johnson, DW, Johnson, RT (ND) Introduzione alla Cooperativa Learningretréréré il 22 agosto del sito : http://www.co-operation.org/home/introduction-to-cooperative-learning/

Università del Quebec in Trois-Rivières (UQTR). (ND). Recuperato da: https://oraprdnt.uqtr.uquebec.ca/pls/public/gscw031?owa_no_site=47&owa_no_fiche=12

Cégep de Ste-Foy (2013). Vantaggio dell’apprendimento collaborativo. Recuperato da: http://www2.cegep-ste-foy.qc.ca/freesite/fileadmin/groups/7/Babillard/2.Planifier/2.EQ.02_Avantages_apprentissage_collaboratif.pdf

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *