Quando sei foodie e aggiungi aria mentre spesso cerchiamo di combinare entrambi. Gastronomia in campeggio, casa di pasto disidratata … e ovviamente, raccogliendo funghi selvatici!

immagine Mycooutique situata su Rachel è il posto perfetto per diventare raccoglitore amatoriale . Ci sono tutti: funghi freschi, essiccato e polvere, cestelli, coltelli e pennello per completare il suo kit raccoglitore, tonnellate di sterline e guide pratiche e prodotti adorabili derivati.

Ho frequentato la degustazione della conferenza: Autunno Symphony Per avviarmi, e ho davvero scoperto una nuova passione! Facile quando il proprietario, che dà la conferenza, è se stesso appassionato e che lo chef che lo accompagna nell’alta gastronomia.

Una piccola teoria

Il fungo non è una pianta , non rende fotosintesi. Ciò che mangiamo è in realtà il suo “fiore”, dal momento che i suoi filamenti tessere una rete sotterranea. La raccolta non mette a rischio la specie. Le razze del fungo cloncono, grazie alla dispersione delle sue spore. Può essere decomposizione, parassita o simbiotico con vegetazione. Nel Quebec, grazie alle nostre numerose foreste, siamo viziati per 4.000 specie di grandi funghi, in particolare numerosi a Montérégie ed Estrie.

Alcune precauzioni

Se c’è qualcosa che ho capito durante La presentazione è che probabilmente non mi avventuro mai per mangiare un fungo che io stesso ho raccolto. Così tante specie commestibili possono essere confuse con altri tossici o mortali. Non c’è una cosa universale, devi avere esperienza! Per facilitare l’identificazione, raccogliendo con la porzione sotterranea, la Terra sta spazzolando e teniamo in un sacchetto di carta. Riconosciamo un fungo nel suo cappello, il suo piede e il suo bulbo, che ognuno ha caratteristiche particolari. Regola generale, abbiamo cucinato i funghi per uccidere le tossine. Naturalmente, la sopravvivenza della foresta è un bene!

Lo sapevi?

  • Il profumo del fungo è essenzialmente nel suo cappello, e aumenta con l’età.
  • PRENDERE MIGLIORE MUSHROOM IN GIAPPONESE. Metake significa “funghi che balla”.

Grazie allo chef!

La degustazione era decadente e vale la pena solo il costo dell’attività. Avviso a vegani o intolleranti del lattosio, lo chef, il francese, ama la crema!

  • morsi 1: vellutato di bolet arancione
  • morsi 2: croton con cep, salsa di vino bianco
  • Bites 3: Insalata di finferli in tubo, zucca, indivia, grano saraceno alla griglia e olio di colla
  • morsi 4: Panacota del sapore di acero reticolo (è il fungo che ha un sapore acero, no Inoltre!)

Prossimo passaggio, la spedizione forestale con una guida mycoboutica in primavera!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *