di fronte alla stranezza del misticismo (trance estatica, possesso, convulsioni) o alla violenza del fanatismo (follia di Dio, terroristi cintolati con esplosivi), la tentazione è sempre forte per ridurre le manifestazioni della vita religiosa alle patologie psichiche.

Tale era il caso di Jean-Martin Charcot (1825-1893) e dei suoi discepoli del Saltpêtriere all’età dell’oro dell’Anticlericalismo e del Positivismo. Per loro, la “grande isteria” era finita per fornire una griglia di spiegazione universale Quasi. Così Freud, nelle sue opere sull’anima collettiva (totem e tabù, l’uomo Mosè e la religione monoteistica). Lo vide in religione che il sintomo di nevrosi ossessiva.

Questa non è la posizione degli insegnanti di questo originale dizionario di psicologia e psicopatologia delle religioni. Accanto a circa sessanta collaboratori, storici, sociologi, psicoanalisti, tra cui Elie Wiesel, Emile Poulat, Albert Memi, Jean-Pierre Winter and Roger Dadoun, Stéphane Gumppper e Franklin Rausky firmano la maggior parte degli ingressi.

Conoscenza e Sightseeing

Entrambi i due specialisti delle umane presso l’Università di Strasburgo, hanno cercato di evitare “riduzionisti forzando” e interpretazioni inequivocabili nella loro esposizione del discorso della psicologia scientifica applicata alla religione. L’ora selezionata (1775-1980) corrisponde all’emergenza di un discorso medico e accademico sul religioso.

C’è, tuttavia, in questa somma una chiara volontà di mettere in qualche modo remoto la gestione razionalizzata della fede psicopatologia. Siamo lontani oggi dal trionfalismo della ragione occidentale. Mentre si concentra sulla traversata tra malattia e religione, discipline come l’etnopsichiatria sanno ora criticare l’etnocentrismo e l’equivalenza senza ombra di follia e misticismo.

Da parte sua, la Chiesa ha cercato di contrastare le scienze religiose ricorrendo a Il “discernimento degli spiriti”: le eruzioni dei follie religiose fuori dal telaio sarebbero dovute non per la malattia psichica ma a destra del demone.

Hai il 31,33% di questo articolo a essere letto Il resto è riservato agli abbonati.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *