5
(1)

Aggiornato Il 26 agosto 2020

Se si occupo con molti sondaggi online su questo sito, i questionari hanno molti altri casi di utilizzo. Oggi, fai una deviazione dalle forme per vedere tutte le buone pratiche e le insidie da evitare! Moduli di contatto, moduli di registrazione, richieste di dimostrazione, applicazione del modulo di newsletter bianco o semplice? È qui!

Tempo di riproduzione stimato: 5 minuti

Cosa è necessario inserire nel tuo

Creare un modulo, di solito sono tre parti:

l’introduzione

Non iniziare richiedendo l’indirizzo e-mail del contatto: Utilizzare una o due righe per:

  • Spiega l’interesse per la persona per lasciare i suoi dettagli (cosa ne deriverà )
  • mettendolo sulla fiducia (lo rassicuro che non venderà le sue informazioni a 150 aziende … Questo è il caso n ‘non è?)
  • Spiega l’uso preciso Avrai dei suoi dati (è possibile inserire questo in una Carta d’uso, in connessione), che è richiesto dal RGPD (i regolamenti generali sulla protezione dei dati, sono entrati in vigore nell’Unione europea nel 2018: ti dico di più qui )

le informazioni

poi vengono visualizzate le informazioni intelligence che saranno compilate da contatti. Per avere più possibilità di essere riempiti, una forma deve essere estremamente breve e semplice. Ciò significa che è necessario:

  • solo chiedere informazioni importanti (questo può essere solo l’indirizzo e-mail e il nome per una newsletter, ad esempio o un po ‘più informazioni complete per a Richiesta dimostrativa)
  • Non renderlo obbligatorio che le informazioni assolutamente essenziali (nome e nome, indirizzo e-mail …). In particolare, non richiedere il riempimento del numero di telefono, molto sensibile, se non si dispone di una necessità assoluta di chiamare la persona.

Inoltre, il RGPD richiede che tu possa solo chiedere il informazioni di cui hai davvero bisogno. Ad esempio, è normale richiedere lo stato civile della persona in una forma di simulazione fiscale, ma questo sarà difficile da giustificare su un modulo di contatto.

il pulsante

Alla fine il I partecipanti convaliderano il contenuto del modulo con un pulsante: Prova a creare una vera call-azione, coinvolgente e connessa con cosa portarli il modulo, piuttosto che un semplice “OK” o “convalidato”.

Esempio

Ecco l’esempio del modulo Createrunquestionnary.fr: semplice, veloce, efficiente! (E cammina davvero, non esitate a lasciare la tua e-mail 😉)

vuoi ricevere consigli regolari?

Iscriviti alla newsletter: consigli di qualità, poche e-mail e nessuna spam!

le trappole da evitare

il rischio di confusione

anche le informazioni semplici come quelle di un modulo di contatto possono essere confuso! Ecco alcuni punti di attenzione per assicurarti che i tuoi intervistati non blocchino il modulo:

  • Metti il nome e il nome in campi separati e in questo ordine: è più facile compilare (per i partecipanti come i sistemi di riempimento automatico) e più facile da usare in seguito!
  • Non mettere mai “indirizzo” tutto breve, ma specificare se è l’indirizzo postale o indirizzo e-mail
  • se tu Richiedi un indirizzo postale multi-campo (numero, codice postale, città …), il primo campo deve essere chiamato “numero e nome della via” e non “indirizzo” o “indirizzo postale”
  • se Hai una preferenza tra l’indirizzo email personale e professionale del contatto, specificarlo!

tramite il riempimento automatico

Un numero elevato dei tuoi contatti utilizzerà il riempimento automatico caratteristica del suo browser. Il tuo modulo deve quindi essere compatibile con questa pratica! In particolare:

  • Non chiedere mai al “post”, ma piuttosto la funzione, il lavoro, l’attività … Il riempimento automatico inserirà effettivamente il codice postale nella casella “Post”.
  • A meno che non si disponga di un singolo campo (indirizzo e-mail), assicurarsi che il titolo del campo rimanga visibile una volta completato il campo. È davvero molto inquietante per un partecipante incontrarsi davanti a una forma senza titolo perché tutte le scatole sono state riempite! Non ha quindi modo di controllare se le buone informazioni si trovano nella casella giusta.

Come sfruttare le voci del modulo?

Avere un modulo, va bene. Avere ingressi (risposte) nel tuo modulo, è meglio. Ma fare qualcosa, è indispensabile! Ci saranno spesso molte cose da fare per nuovi contatti:

  • centralizzazione: inserisci tutti i tuoi contatti nel tuo CRM o una tabella dedicata. Ma evitare di avere 15 diverse tabelle per i tuoi contatti, o peggio: nessuna traccia delle persone che ti hanno contattato una volta che hai trattato il loro messaggio.
  • azione: dietro una forma, c’è spesso un’azione: lo farai Rariamo raramente le braccia incrociate! Può essere un’azione automatica (inviare un white paper, un messaggio di benvenuto, un codice di sconto …) o un’azione personale (chiama il contatto, inviare una e-mail, fornire un appuntamento …).
  • Seguito: cosa succede una volta che l’azione è stata realizzata? C’è qualche altro punto di contatto? Un’altra azione?

Idealmente, la progettazione di un modulo include anche processi e strumenti per garantire tutto questo, il che ti impedisce di gestire tutto, il che comporterà perdite Tempo, e sarebbe più probabile che porti a errori, dimenticanza e ritardi. Da parte mia, uso per tutto questo (e per molte altre cose) Uno strumento chiamato Zapier, che consente di connettersi tra loro dalle centinaia di strumenti diversi (moduli, messaggi, calendario, CRM, stoccaggio cloud, a – Le liste …). Abbastanza semplice da prendere in carico e ideale per semplificare la vita!

PS: non sono sponsorizzato da Zapier o da qualche strumento, ti consiglio perché lo uso e che lo trovo grande!

a0002

Hai bisogno di aiuto per la tua richiesta?

Un accompagnamento esperto per progettare, gestire o analizzare la tua richiesta!

vuoi ricevere un consiglio regolare?

Iscriviti – Non manca nulla!

Si sono fidati di me!

Pierre Abbiamo portato tutta la sua esperienza del online questionario e ci ha permesso di ottenere un sacco di tempo come parte di una pianificazione stretta. Abbiamo particolarmente apprezzato la sua sensibilità sull’esperienza utente!

vincent pilloy ondatore e CEO su Inov360

Vedi tutte le testimonianze

È stato interessante questo articolo?

Invia la tua nota

Voto medio 5/18 Numero di voti: 1

Non ancora votazioni … Sii il primo a scrivere questo oggetto!

Hai trovato questo articolo interessante, grazie!

Non esitate a seguirmi sui social network per vedere i miei prossimi articoli 🙂

Mi dispiace che questo articolo non ti interessasse molto .. .

Aiutami a migliorarlo!

Cosa posso migliorare nell’articolo?

Invia il tuo ritorno

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *