Si distinguono diversi metodi di contraccezione, ma tutti non sono coperto dalla sicurezza sociale. In questo caso, forniremo un aggiornamento sul rimborso dei contraccettivi e della spesa relativi all’interruzione volontaria della gravidanza.

Metodi di contraccezione rimborsabili

Per leggere anche: 3 suggerimenti per scegliere le tende

rimborso dei contraccettivi La sicurezza sociale accetta di rimborsare solo alcuni metodi di contraccezione. Questi includono pillole contraccettive, dispositivi intrauterini, impianti contraccettivi e diaframmi. Il livello di rimborso ammonta al 65% del prezzo di acquisto. Puoi anche aspettarti un rimborso per la contraccezione ormonale di emergenza purché sia stata prescritta da un medico o dall’ostetrica.

Per la pillola particolare, devi stare attento, perché alcuni non sono supportati dalla sicurezza sociale. Quest’ultimo accetta anche un rimborso del 60% per l’acquisto di determinati marchi di preservativi maschili e dovrai saperne di più su questi marchi. In ogni caso, il rimborso sarà efficace solo se si presenta un ordine di un medico o dell’ostrienza. A proposito, non puoi permetterti di scegliere casualmente il tuo metodo contraccettivo e con le diverse soluzioni contraccettive, potresti perdere facilmente.

Leggi anche: Covidid e il suo impatto sull’occupazione in Francia

Metodi di contraccezione non rimborsabili

Se si prendono preservativi maschili o femminili in farmacie, distributori automatici e supermercati, anche se si presenta la ricevuta di cassa, la sicurezza sociale non rimborserà. Questo sarà anche il caso per spermicidi e patch contraccettivi venduti senza prescrizione medica. Anelli vaginali e cache del collo, anche se sono prescritti dal medico o dall’ostrienza, non saranno rimborsati.

Per ottenere contraccettivi gratuiti, è possibile andare alla famiglia Centro di pianificazione e all’istruzione della tua città. Anche qui puoi anche trovare preservativi maschili. Si prega di notare che, tuttavia, che questi metodi contraccettivi non coperti dalla sicurezza sociale possono essere rimborsati in parte o per intero dalla vostra assicurazione sanitaria.

Contrappiti gratuiti per minori di 15 e oltre

Per le ragazze dai 15 ai 18 anni, i contraccettivi sono gratuiti attraverso il terzo pagatore. Questo pagamento gratuito è soggetto a determinate condizioni, il primo è il tuo stato minore. Per l’acquisto e / o l’attuazione di una contraccezione, il paziente deve presentare l’ordine e la prova di affiliazione all’assicurazione sanitaria al professionista della salute a cui si riferisce, medico, ostetrica o farmacista. Se vuoi questo contraccettivo contraccettivo rimanere segreto, puoi chiedere ai professionisti della salute che ti ricevono. Pertanto, ti è certo che questo acquisto o visita all’osterra non apparirà sulla dichiarazione di rimborso che verrà inviata ai tuoi genitori.

Per queste piccole giovani donne, il primo passo è quello di andare in un medico o ostetrica. Questa prima consultazione determinerà la contrazione più appropriata della tua situazione e dei tuoi bisogni. In caso di eccedere le spese, il paziente dovrà pagare per quello. Quando vai in farmacia, devi presentare la prescrizione e il farmacista ti darà gratuitamente gratuitamente.

Cura in caso di interruzione volontaria della gravidanza

Il rimborso non è lo stesso per tutti i metodi Ithynay in caso di interruzione volontaria della gravidanza. Ciò dipenderà dal metodo e anche dallo stabilimento dove è fatto. In ogni caso, possiamo parlare di pieno rimborso da parte della sicurezza sociale sotto forma di una somma forfettaria. Tuttavia, va notato che questo rimborso sarà accompagnato da un’esenzione totale da spese previste per le ragazze minori che non hanno il consenso dei loro genitori, le donne che beneficiano di assistenza sanitaria complementare o che beneficiano di un’assistenza medica di stato.

Caso N ° 1: IVG Medicinal effettuato come dottore della città

Quando parliamo di una città medica, parliamo di un ufficio medico, un centro di pianificazione familiare e un centro educativo, un’intervalo un centro sanitario.Se si esegue un farmaco IVG, incluso l’assunzione di farmaci per interrompere la gravidanza ed espellere l’embrione, in una di queste istituzioni, puoi aspettarti un rimborso del 100% della sicurezza sociale. Questo importo sarà basato su un tasso forfettario stimato tra il 187.92 e il 193.16 euro. Normalmente, tale importo dovrebbe includere la consultazione in cui si convalida l’interruzione della gravidanza, le due consultazioni per prendere il farmaco, il prezzo dei farmaci in questione, la consultazione di controllo in cui possono essere considerati anticorpi anti-D.

Devi pagare dal proprio account la prima consultazione durante la quale scoprirai quali test e ultrasuoni devi fare per determinare il metodo IVG appropriato per la tua situazione.

Caso 2: Drug IVG Praticato nelle strutture sanitarie

Se pratichi questo metodo di IVG in una clinica o in ospedale, sarai anche rimborsato il 100%, ma la base fissa per il rimborso è di 282,91 euro. A differenza del caso 1, descritto sopra, la quantità includerà test di laboratorio e ultrasuoni prima che IVG nonché sia effettuato dopo Ivg. Va notato, tuttavia, che IVG sarà pienamente rimborsata come parte di una tariffa a somma forfettaria con una rinuncia totale in anticipo per i minori senza il consenso dei genitori, per le donne con assistenza sanitaria complementare e per le donne. Beneficiando dell’assistenza medica dallo Stato.

Caso 3: IVG Strumentale

IVG Strumentale è consentito fino alla fine della dodicesima settimana di gravidanza e deve essere fatto in una struttura sanitaria o in un centro sanitario. Stiamo anche parlando di un rimborso del 100% in base a una velocità forfettaria tra 500.14 e 644.71 euro. Per determinare l’importo da pagare, la sicurezza sociale esaminerà l’installazione in cui verrà eseguito l’IVG strumentale, il tipo di anestesia che il paziente riceverà e la durata del ricovero in ospedale.

In tutti i casi . Queste commissioni includeranno la consultazione quando il paziente firma i documenti del consenso per l’interruzione volontaria della gravidanza, i test richiesti per l’intervento, l’anestesia e le consultazioni pre-anestetiche, la procedura stessa, l’ospedalizzazione e le consultazioni post-intervento.

Tag: passzlinfo

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *