Nonostante decenni di ricerche intensive sulle complicanze del diabete, i meccanismi fondamentali non sono ancora completamente noti e rimane impossibile prevenire o trattare danni a vasi sanguigni che influenzano la maggior parte dei diabetici. Pertanto, il rischio di morte della malattia cardiovascolare è da due a tre volte superiore per i diabetici che nei non diabetici. Anche i piccoli vasi sanguigni sono danneggiati. Dopo dieci anni di diabete, il 70% dei pazienti è influenzato da una forma di malattia renale che può salire al fallimento renale. Molti altri pazienti diabetici soffrono di complicazioni per gli occhi a volte un serio handicap visivo e il 2% di loro diventerà cieco. “I vasi sanguigni e gli altri organi del corpo diventano rivestiti di zucchero irrigiditi. Un fenomeno che ricorda l’invecchiamento biologico prematuro”, spiega il Dr. Peter Nilsson, co-autore dello studio. Quindi, perché alcuni pazienti sono protetti? L’idea dei ricercatori è che la risposta può essere semplicemente in natura.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *