dauphin. Nella posizione ordinaria nello stemma, questo tipo di pesce deve avere la testa e la coda rivolta al dexter della ECU e il corpo leggermente curvo; Ma se è pensato in un altro modo, deve essere attento a dire blading è: versato quando le sue estremità tendono verso lo chef, e mentendo se vanno verso la punta: su quando lo smalto dell’occhio è diverso da quello del corpo: attivato se questo caso è quello delle pinne: escluso le barbe e ha tenuto a nudo per la cresta; Quando il delfino è mostrato con gli occhi chiusi e la bocca aperta si dice che sia accoppiato.

Vedi le braccia dei delfini della Francia.

dall’alfabeto e figure di tutti i termini del Blasone
L.-a. Duhoux D’Argicourt – Parigi, 1899

dauphin.

D'Auvergne'Auvergne

Auvergne (D ‘): o, al delfino tirato azzurro, critiche, impegnato e sbavando ili. (Auvergne)

d dopo l’araldico Dizionario
Charles de Grandmaison – Parigi, 1861

DAUPHIN. Una specie di pesci, la cui posizione ordinaria deve essere curvata in semicerchio e profilo, la sua museruola e la punta della sua coda si rivolse al Dexter della ECU.

Dicono il delfino sul suo occhio, Atto con le sue alette, toccando la coda, quando queste cose sono di uno smalto diverso. Si dice ancora che si fermasse dal delfino che ha la bocca aperta, senza denti, che sembra scadere; e sdraiato con quello la cui testa e coda tendono giù dalla ECU.

di Auvergne'Auvergne

Auvergne (D ‘): o, al delfino tirato azzurro, critty, impegnato e sbavando ili. (Auvergne)

dal dizionario araldico
Charles de Grandmaison – Parigi, 1861

DAUPHIN, SOSTE. Masc., Una specie di pesci marini, che ha qualche somiglianza con il porpoise, avendo come lui la grande testa rispetto al resto del corpo. La sua rappresentazione ordinaria deve essere curvata in un semicerchio e profilo, la sua museruola e la punta della sua coda si rivolse al destro della ECU.

Diciamo il delfino sul suo occhio, attirato con le sue alette, toccando dalla sua coda, quando queste cose sono di uno smalto diverso.

è ancora in pausa dal delfino che ha la bocca aperta, senza i denti, che sembra scadere; e sdraiato con quello la cui testa e coda tendono giù dalla ECU.

Il duca di angelo cespuglio, ducquerie; In Normandia: Guli, al delfino di denaro.

da Gassendi, in Provenza: Azure, al delfino dell’argento; Nel capo d’oro, accusato di tre membri dell’aquila di sabbia.

La Bihannic of Isle, in Bretagna: Azure, due delfini affrontati con oro.

Da Kerscau de Pontblanc, da Kerenec, nella stessa provincia: i soldi, con due delfini sostenuti con Azure.

D’Aubery, in Bourbonnais: Azzurra, al Chevron dell’oro, accompagnato da tre teste del delfino di argento, lit color selvago, ai margini dello stesso.

Secondo il dizionario Enciclopedico della nobiltà della Francia
Nicolas Viton de Saint-Allais (1773-1842) – Parigi, 1816 – Download

Test simbolico

Un delfino:
• Viola sul campo Azure simboleggia un principe benefico rispetto a un padre di una famiglia.
• sul campo da viola simboleggia il sincero Protezione.
• Sul campo Sinople’s simboleggia la buona amicizia.
• Pale simboleggia una sconfitta navale.

Secondo il manuale araldico o chiave del Blazon Art “(Avvertenza)
di L. Foulques Delanos, Limoges, ottobre 1816

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *