A E3 non lascia mai indifferenti, e il periodo che precede è sempre interessante da seguire. Abbiamo da un lato coloro che non stanno aspettando nulla per le promesse scarsamente tenute, e dagli altri coloro che continuano a credere ancora e sempre. È nella natura umana da progettare, vuole sognare un po ‘, e dall’arrivo di Phil Spencer al capo della divisione Xbox nel marzo 2014, possiamo dire che la guardia mantiene il corso promettendo investimenti e giochi. Quattro anni dopo, l’impazienza dei fan del marchio potrebbe finalmente pagare.

Giochi e soprattutto i giochi

Anche se Phil Spencer ha confessato Se stesso che faceva parte della squadra iniziale responsabile del lancio (cattivo) di Xbox One, la sua nomination alla testa della divisione Xbox è stata accompagnata da un drastico cambio di mantello per la strategia. Microsoft Gaming. Completato la console multimediale tutto in uno e ritorna alle fonti con una singola parola di ordine: i giochi. La seguente E3 conferma la tendenza, Microsoft mettendo lungo i rimorchi dei suoi prossimi titoli e indugiando meno sui numeri e altre caratteristiche piattaforma.

A E3 2015, l’applauso risuonava a lungo nella stanza quando Phil Spencer annuncia durante La conferenza dell’arrivo di compatibilità arretrata Xbox 360. Alla E3 2016, Phil Spencer annuncia il programma Xbox Play ovunque che ti consente di giocare su console e PC senza soluzione di continuità, così come lo Xbox One S e l’arrivo del futuro Xbox One X. A E3 2017, la nuova console è presentata e 40 giochi. Sfortunatamente, impareremo allo stesso tempo che la maggior parte del grande escluso è stata posticipata all’anno successivo. Questo è il caso ad esempio dal mare dei ladri, dallo stato del decadimento 2 o dal crackdown 3 di cui non abbiamo ancora notizie.

molte promesse da tenere

In effetti, la divisione Xbox si concentra nuovamente sui giochi negli ultimi anni, con due nuovi deflussi di console in breve tempo e presentazioni che non parlano quasi solo dei videogiochi e non più TV e Altri servizi i cui giocatori devono solo fare su una scena E3. Sotto l’influenza definita di Satya Nadella, CEO di Microsoft, la divisione Xbox ha anche infastidito l’inclusione. Al Vertice 2018, Phil Spencer ha tenuto un discorso di apertura. “Siamo andati da una cultura aziendale che sa tutto per un’azienda che deve imparare tutto”, ha detto, aggiungendo che un sacco di cose stavano cambiando a Microsoft.

Quest’anno, le aspettative sono ancora più grandi dell’anno scorso per Xbox. Sono passati 4 anni da quando Phil Spencer muove le cose e tuttavia, il numero e il livello di esclusivi giochi Xbox ancora non sembrano ancora il livello previsto dei giocatori, specialmente quando vediamo cosa succede a fare di fronte a Sony. La chiusura di Lionhead e la cancellazione di scalebound suggeriscono che Microsoft voleva investire un po ‘meglio, ma tutto rimane da dimostrare oggi. Con il lancio di un mare di ladri con il contenuto limitato e uno stato di decadimento 2 insufficiente per riempire la mancanza di AAA, è il momento di Microsoft di togliere l’artiglieria pesante e mostrarci il frutto dei cambiamenti annunciati. Alla fine del 2017 Phil Spencer ha ammesso di aver attraversato un periodo di alti e giù e confermato il suo desiderio di investire di più nei giochi internamente.

Una cosa è comunque sicura è che Xbox rimane una stanza centrale nel La visione di Microsoft e l’appuntamento lo scorso anno di Phil Spencer nella posizione del vicepresidente esecutivo di Gaming non è innocua. E facendo riferimento direttamente al CEO di Microsoft Satya Nadella, Phil Spencer ha ora tutte le carte per far crescere il marchio Xbox. La sua visione di un videogioco più aperto (multipiattaforma), più accessibile (New Handicap Manager), in diverse forme e supporti (Play ovunque, Game Pass) è delicatamente allestito.

Per vedere: Phil Spencer promette qualità e giochi da solista diversificati su Xbox One

In una buona settimana, l’uomo con più t-shirt sarà di nuovo sul palco all’E3 per cercare di vibrare i giocatori. Sarà una E3 diversa per Xbox poiché è al Microsoft Theater che tutto avrà luogo. Un passo avanti per ansimare ulteriormente i suoi valori e la visione perché dovrebbe essere le parole di Microsoft di “la sua più grande E3”. Aaron Greenberg, Xbox Marketing Manager, stava dicendo di recente che Microsoft non si ritirasse quest’anno, implica così come ci sarebbe un sacco di contenuti per questo E3 2018. Per i giocatori comunque, l’impazienza è molto grande che la paura di vedere il loro I sogni evaporano in 2 ore di tempo.

Saremo 5 del Xboxygen Editor in loco, a Los Angeles, per condividere tutto da questo E3.

Conferenze E3 2018: date, informazioni e pianificazione completa

La parte che evoca l’E3 2017 è stata aggiornata. Conteneva la frase “Sfortunatamente, impareremo più tardi che la maggioranza è posticipata all’anno successivo”. Ma non abbiamo imparato dopo questo E3. La frase corretta è quindi “Sfortunatamente, impareremo allo stesso tempo che la maggior parte del grande escluso è stata posticipata all’anno dopo”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *