Questo è il primo più vicino al presidente a prendere le sue distanze pubblicamente con le accuse elettorali “tratti” martellate da Trump

Il ministro americano della giustizia Bill Barn ha detto di non aver visto “frode” sufficiente per invalidare la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali, contrarie alle affermazioni di Donald Trump che si rifiuta di concedere la sua sconfitta.

Questo ultra-curatore di 70 anni è il primo più vicino al presidente per rendere le sue distanze pubblicamente con le accuse elettorali “truffate” martellate da Trump. “A questo punto, non abbiamo visto una frode su una scala che cambierà il risultato dell’elezione”, ha detto martedì in un’intervista all’American Agency Associated Press.

“C’erano accuse di frodi sistematiche, in base alle quali le macchine sarebbero state programmate per distorcere i risultati delle elezioni”, ha ricordato. Ma i ministeri della sicurezza e della giustizia dell’entroterra “investigati e, per il momento, non hanno trovato nulla per sostenerli”.

Il prossimo ministro limitato?

mezzogiorno, martedì, Bill Barn è stato visto presso la Casa Bianca. Questa visita è stata “pianificata” davanti alla pubblicazione delle sue osservazioni, ha fornito il suo portavoce di Kupec Kupec, senza interrompere la speculazione in una possibile partenza dal procuratore generale degli Stati Uniti. “Immagino che sarà il prossimo da sacrificare da allora, anche lui ha detto che non c’era frode”, ha detto il capo dei Democratici di Chuck Schumer.

Quattro settimane dopo il sondaggio, Donald Trump rifiuta ancora di concedere la sua sconfitta. Con i suoi alleati, ha introdotto dozzine di rimedi legali che, per la maggior parte, sono stati respinti dai tribunali o abbandonati.

In una serie di tweet il martedì pomeriggio, il presidente degli Stati Uniti ha sottolineato le testimonianze durante un’udienza pubblica sulle elezioni nello stato del Michigan, che ha confermato la vittoria di Joe Biden. “Le persone stanno dicendo la verità come mai primazione. Grandi camion che portano migliaia di newsletter fraudolente (falso) a una stazione di sondaggio? Terribile – Salva America!”, Ha scritto.

“Qualcuno potrebbe essere ucciso”

Domenica, aveva criticato il ministero della giustizia e la polizia federale di non aiutarlo nella sua lotta. “Mancano”, “disse sul canale di Fox News. “C’è una tendenza crescente per utilizzare il sistema giudiziario come strumento per risolvere tutti i problemi e quando le persone sono insoddisfatte di qualcosa, si aspettano il ministero della giustizia atterrato e” indagine “,” disse Bill Barr.

Questo pilastro del governo, molto apprezzato dai repubblicani dei rappresentanti, era stato tenuto a contraddire il presidente e persino aveva, prima che le elezioni, abbondano sulla sua strada, coinvolgendo l’affidabilità del voto della corrispondenza.

All’inizio di novembre aveva autorizzato i pubblici ministeri federali di indagare sui sospetti delle frodi senza aspettare la certificazione dei risultati degli Stati Uniti, a differenza degli usi. Ma li aveva chiamati ad intervenire solo in caso di accuse “sostanziali” e “credibili”. Le sue affermazioni rappresentano quindi un colpo particolarmente duro per Donald Trump.

Trump Cross

In un comunicato stampa, gli avvocati del Presidente hanno cercato di minimizzarli. “Con tutto il nostro rispetto per il Procuratore Generale, non vi è stata una parvenza di indagine al Ministero della Giustizia”, ha scritto Rudy Giuliani e Jenna Ellis in una dichiarazione. “La sua opinione non sembra basata su una conoscenza o indagine di sostanziali irregolarità e prove di frodi sistematiche”, hanno aggiunto, promettendo di “continuare la loro ricerca della verità”.

“Smetti di ispirare le persone che ispirano potenziali atti di violenza. Tutto questo è andato troppo lontano”

Donald Trump La crociata per sfidare i risultati delle elezioni presidenziali accentuato il disagio all’interno del Partito repubblicano. Il supervisore del processo elettorale in Georgia, Gabriel Sterling, ha condannato le minacce e le intimidazioni in una conferenza stampa contro agenti elettorali e dipendenti pubblici.

“Smetti di ispirare le persone che ispirano potenziali atti di violenza. Tutto questo è andato troppo lontano”, indurito il rappresentante eletto repubblicano all’indirizzo del presidente. “Qualcuno potrebbe essere ferito, essere colpito, essere ucciso, e non è giusto.”

Alla votazione del 3 novembre, l’ex vicepresidente Joe Biden ha vinto oltre 80 milioni di voti contro poco meno di 74 milioni per Donald Trump.Il democratico è riuscito a riprendere una manciata di stati chiave che ha votato per il repubblicano nel 2016 e ha 306 elettori importanti contro 232 per il suo rivale. Anche se il presidente in uscita non riconosce la sua sconfitta, il collegio elettorale dovrebbe quindi confermare la sua vittoria il 14 dicembre per una cattura il 20 gennaio.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *