il 14 febbraio della scuola mineraria parisht ha organizzato un laboratorio focalizzato sulla teoria della conservazione delle risorse e animata dall’iniziatore di questa teoria, del professor Stevan E. Hobfoll (Centro medico dell’Università di Rush, Chicago). Il Consiglio AD ha partecipato a questo tempo di scambio.

Conserva le risorse per preservare la salute.

Gradualmente, la ricerca ha i modelli emancipati che portano la salute dei lavoratori principalmente in termini di costi individuali e organizzativi associati. La teoria della conservazione delle risorse (Hobfoll, 1989, 2001), in particolare, ha contribuito alla crescita di una corrente più positiva di pensiero ed è un approccio alternativo.

questo L’approccio si concentra sul concetto positivo delle risorse nel migliorare o preservare la salute degli individui.

Le risorse si riferiscono a un ampio fattori di categoria che possono essere esterni come le relazioni tra loro o interni come caratteristiche o abilità personali. Più specificamente, Hobfare definisce le risorse come “queste entità che sono fondamentalmente valutate (ad esempio, autostima, attaccamento, salute, pace interiore) è un modo per ottenere scopi fondamentalmente stimati (ad esempio, denaro, sostegno sociale, riconoscimento)” (Hoffoll , 2002, p.307).

La teoria della conservazione delle risorse postula e individui cerca acquisizione, ritenzione e protezione delle risorse e sollecitazione associata e conseguenze sanitarie si verificano quando sono minacciato di scomparire o perso o quando gli individui falliscono nell’acquisizione di nuove risorse dopo un notevole investimento di risorse (Hobfoll, 2002, P.312).

Alla base di questa griglia di lettura, Hobfoll si concentra sui potenti e marcatura eventi negativi in termini di intensità e durata nel tempo, rispetto agli eventi positivi. Secondo questa prospettiva, l’essere umano avrebbe una sensibilità acuta alla perdita e sarebbe notevolmente meno sensibile al guadagno. L’autore propone la seguente illustrazione: “Se il tuo collega è positivo e irreprensibile del 97% delle volte e ti insulta il 3% delle volte, è la parte devastante che ricorderai di più”. Pertanto, la perdita di risorse è fondamentale perché è potente e foglie segni duraturi in individui. Nella continuità di questa teoria, la Corr-E consente la valutazione individuale della perdita di risorse efficaci o paura in un contesto globale.

applicato al contesto professionale, La teoria della conservazione delle risorse suggerisce di non trascurare lo sviluppo delle risorse (ad esempio, la comunicazione, la formazione, il reclutamento, i benefici), ancor più in contesto di perdita o paura effettiva (ad esempio, riduzione del numero, nuovi ritmi o contenuti del lavoro, conflitti). L’autore insiste sulla necessità fondamentale di non consentire ai dipendenti di vivere una perdita di risorse efficaci o senza paura senza aiutarli a reagire con notizie o dare loro visibilità concreta sulla possibilità di acquisire di nuovo.

Inoltre, la presenza di molte risorse genererebbe un circolo virtuoso, con conseguente acquisizione di più risorse e un aumento del benessere (Bakker, 2011; Hobfoll, 2001; Salanova, Schaufeli, Xanthopoulou, & BAKKER, 2010).

alla volta in cui le organizzazioni lavorative s nel desiderio di tenere conto del carattere bipolare della qualità della vita al lavoro (la salute dei lavoratori non solo consiste in assenza di indicatori negativi, ma implica congiuntamente la presenza di indicatori positivi), questa teoria offre una griglia di lettura interessante stendendo le pietre miliari di un approccio aperto Razionale più compensazione.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *