Lost Lost COLONY © William Ludwell Sheppard Design, William James Engraving Linton / Wikimedia Commons

Nel 1587, una colonia britannica è atterrato sulla Côtes de Carolina da il Nord. Solo questa colonia installata a Roanoke è scomparsa misteriosamente nel 1590 senza lasciare alcuna traccia, a parte la parola “Croatoan” incisa su un albero. Nessuno sapeva cosa è successo ai 115 coloni di Roanoke. Quasi 500 anni dopo la loro scomparsa, gli archeologi hanno scoperto artefatti che potevano sollevare il mistero della colonia perduta.

scomparsa o assimilazione?

Nel 1590, quando John White ritorna alla colonia Roanoke, non ritrova alcuna traccia dei 115 pionieri. Solo la parola “Croatoan” è stata incisa su un albero. I Croatoans erano una tribù aldindiana che viveva non lontano dai coloni. Inoltre, questa scomparsa è diventata uno dei più grandi misteri negli Stati Uniti. E molti sceneggiatori e scrittori sono stati ispirati da questa storia, come la stagione della storia dell’orrore americano 6.

Se nessuno sapeva esattamente cosa era successo ai coloni di Roanoke, sono state emesse alcune teorie. Uno dei più probabilmente era che semplicemente assimilassero i nativi americani. Tuttavia, nulla potrebbe confermare questa teoria, anche se alcune scoperte archeologiche su un sito a 80 chilometri da Roanoke, nel continente, attesta la presenza di coloni inglesi vicino a un forte designato da John White. Tuttavia, non era raro che i nativi americani prendano il materiale abbandonato dall’inglese.

Ma secondo le nuove scoperte, potrebbe essere che il mistero della colonia perduta è stato scoperto. Almeno sembra che parte dei coloni si sia comportato nei nativi americani. Ma non esattamente dove pensavamo. Infatti, la recente ricerca di Scott Dawson, nativo di Roanoke, archeologo e presidente della società archeologica di Croatoan, spingere per crederci.

Disegno di John White Rappresentando una danza rituale degli indiani Powhatan nell’isola di Roanoke / © Wikipedia

il mistero risolto?

Per più di 10 anni, Scott Dawson e colleghi hanno selezionato Tracce della colonia sull’isola di Hatteras, per diversi chilometri dall’isola di Roanoke. In effetti, gli archeologi hanno trovato artefatti di fabbricazione inglese risalente al XVI secolo. Tra questi trovati: ardesia, round di pictori, anelli, orecchini, ecc. Alcuni oggetti sono stati trasformati per l’uso in modo diverso, come orecchini trasformati in ganci.

“Abbiamo trovato solo la prova dell’architettura mista delle case, ma anche la metallurgia, dove avevano workshop di fabbri e ha funzionato anche in rame e conducono, e ha continuato finora nel 1600”, ha detto Scott Dawson .

Eppure, rimane possibile che solo alcuni coloni si siano uniti a Hatteras Island prima di “scomparire” tra i nativi americani. Infatti, secondo Mark Horton, il gruppo potrebbe separare, e alcuni coloni britannici vanno in città come Chesapeake.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *