focus – “I datori di lavoro hanno un obbligo di sicurezza generale nei confronti dei loro dipendenti”, afferma Marina Corrias, avvocato in diritto del lavoro.

di Guillaume Piset

Pubblicato il 21/12/2019 alle 07:30, aggiornato il 21/12/2019 alle 10:11

I proprietari funzionano 29 aprile 2009 a Valenciennes, alla costruzione del nuovo stadio del pungente. I lavoratori lavorano il 29 aprile 2009 a Valenciennes, nella costruzione del nuovo stadio del pungente. Francois Lo Preti / AFP

551 Italiano sono stati vittime di incidenti fatali di lavoro nel 2018, secondo le cifre presentate questo martedì per l’assicurazione sanitaria. Un totale di 651.103 sono stati identificati incidenti di lavoro, con un incremento del 2,9% rispetto al 2017.

“Leggi anche – Incidenti sul lavoro: più di 500 frili da giardino ogni anno, che sono- loro?

Questo contenuto non è accessibile.
Per accedervi, clicca qui

“Tutti i settori dell’attività stanno vivendo Un aumento dei loro incidenti al lavoro, in cima alla quale le attività di recitazione e assistenza e cura (+ 5%) nonché l’industria del legno (+ 4,5%), dettagli assicurazione sanitaria. Gli incidenti di lavoro stanno inoltre progredendo in altri settori: BTP (+ 1,9%), Metallurgia (+ 2,2%), Trasporto (+ + 2,4%) o Alimentazione (+ 2,4%).

Cosa dice la legge sul lavoro in termini di sicurezza?

“I datori di lavoro hanno un obbligo generale della sicurezza nei confronti dei loro dipendenti. Questi devono lavorare in condizioni che garantiscono la loro salute fisica e mentale, “ricorda a Figaro Mr. Marina Corrias, avvocato in diritto del lavoro. Questo è l’articolo L4121-1 del codice del lavoro.

Ci sono anche più specifiche Legislazione, relativa al lavoro di altezza, ad esempio. L’articolo R4323-59 del codice del lavoro stabilisce in determinati obblighi, come l’impianto di ibernazione per prevenire cadute. “Il datore di lavoro ha anche l’obbligo di fornire il materiale, come un casco, i guanti o un’imbracatura nel settore dell’edilizia, “Continua l’avvocato. In termini di prevenzione, il signor Marina Corrias evoca un elemento importante: la valutazione del rischio del documento unico”. Questo è un documento redatto dal datore di lavoro in cui il datore di lavoro riporta tutto i potenziali rischi per i dipendenti. Quando viene identificato un pericolo, il datore di lavoro deve adottare le misure necessarie per mettere fine “, dettagli l’avvocato.

Quando si verifica un incidente al lavoro, il dipendente può cogliere tre giurisdizioni. Tutto all’inizio, il Consiglio di PRUD’Hommes. “Il dipendente può richiedere un risarcimento se il datore di lavoro ha fallito nel suo obbligo di sicurezza generale”, afferma Marina Corrias. Poi c’è il Tribunale degli affari di sicurezza sociale (TASS). “Il dipendente può influire sulle quote aggiuntive se riesce dimostrando che il suo datore di lavoro ha commesso un difetto imperdonabile e ha affrontato un serio pericolo “, continua l’avvocato, il dipendente deve dimostrare che il datore di lavoro era consapevole del pericolo che ha esposto il dipendente e non ha fatto nulla per conservarlo. Infine, c’è il Tribunale penale per la componente penale. La società (persona giuridica) o il rappresentante legale della società (persona fisica) può mettere in mano una frase fine e / o prigione.

Cosa Sono le azioni implementate dallo stato?

Allegata da Le Figaro, Thomas Kapp – Assistente direttore regionale della direzione regionale del business, concorrenza, consumo, lavoro e l (direzione) del Great East – lo spiega “Gli incidenti al lavoro sono al centro dell’attività dell’ispettorato del lavoro”. Come promemoria, ci sono circa 2000 ispettori del lavoro in Francia. “Quando ci sono incidenti di lavoro seri o mortali, la polizia o il Gendarmerie chiama l’ispettorato del lavoro. Un agente responsabile del settore geografico interessato è informato entro un tempo molto breve e va sul posto per rendere i primi elementi che trovano”, continua Thomas Kapp. Da allora in poi, inizia una vera indagine.

“Leggi anche – con gli ispettori che monitorano gli abusi del prestito distaccati

L’ispezione del lavoro ha due obiettivi: per vedere qualsiasi reati commessi e contribuire alla prevenzione dei rischi professionali. “Se i reati sono stati identificati, un rapporto o una relazione condividere con il pubblico ministero della Repubblica”, dettagli Thomas Kapp. Spiega che anche l’indagine sulla salute e della sicurezza può anche rivelare altri reati: ore di Lavoro, protezione dei giovani lavoratori, lavoro illegale, ecc.Quando si verifica un grave incidente in un’azienda, è comune per l’ispezione del lavoro tornare ai controlli pochi mesi dopo per verificare che siano state adottate misure per migliorare le cose. Per gli anni 2019 e 2020, il Ministero del lavoro ha chiesto l’ispezione del lavoro per rafforzare la prevenzione relativa alle cadute dell’altezza, conclude Thomas Kapp.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *