di: Blurd, Benjamin diretto da: Debruyne, Emmanuel vanwambeke , Sophie

L’oggetto principale di questo memoir era quello di analizzare l’influenza spagnola in Belgio occupata negli anni 1918 e 1919. Abbiamo posseduto due obiettivi complementari: osservare l’epidemiologia dell’influenza e studia l’immaginazione e la percezione del popolazione. Sono stati pertanto utilizzati due tipi di fonti: le fonti quantitative – registri dei decessi dei comuni studiati e registri delle cause dei decessi per anni – e le fonti qualitative composte dalla stampa del tempo e dei libri intimi o di giornali scritti da 40 di diatriste. Questo lavoro è composto da diverse parti tra cui uno studio cronologico e un’analisi tematica. Durante lo studio cronologico, abbiamo cercato di esaminare profondo le tre onde dell’epidemia: la molla, l’autunno e l’onda invernale. Per ciascuno di questi tre momenti, sono usciti problemi simili. All’inizio, abbiamo cercato di aggiornare le origini dell’influenza spagnola, supposte con i dati quantitativi e presunti dai diaropri, nonché un asse ipotetico della diffusione dell’epidemia. Attraverso i nostri dati crittografati, possiamo supporre la propagazione del sud-ovest a nord-est. Dopo aver tentato di quantificare la mortalità e la morbilità, abbiamo scoperto che queste due caratteristiche modificano la percezione della popolazione. Infine, abbiamo preso le cosiddette popolazioni di rischio menzionate dai nostri diaropri e abbiamo cercato di controllare le loro ipotesi attraverso fonti quantitative. Poi abbiamo cercato di analizzare le reazioni della società di fronte a questa epidemia: quali reazioni hanno preso i comuni e l’occupante tedesco? Quali reazioni hanno affrontato i medici con questa malattia? Infine, come conclusione, abbiamo visto che la perdita di influenza dell’epidemia è stata fatta sullo stesso asse geografico della propagazione ipotetica. Durante la seconda parte, sono stati studiati diversi temi. All’inizio, abbiamo analizzato la vita e il trasporto di evacuees francesi e abbiamo scoperto che erano deplorevoli e spiegavano perché questi civili erano in gran parte colpiti dall’influenza. Poi ci siamo concentrati sul lutto e sull’influenza della malattia sull’espressione di quest’ultimo. Il carattere rapido e il fatto che tocca principalmente il più giovane colpire i diatriste. La sovramortalità ha anche impedito il buon rispetto per i riti funebri: ad esempio, sono state completate trincee comuni. A causa di questa sovramortalità, comuni o organizzazioni private responsabili delle sepolture hanno adattato un po ‘le loro risposte. Infine, abbiamo studiato la percezione della malattia da parte dei diaropri e in particolare l’evoluzione della lingua che accompagna la malattia. Abbiamo visto che acquisisce un maggiore grado di gravità tra la prima e la seconda ondata. Questo maggiore grado di gravità è anche notevole all’interno della seconda onda.

  • metadati
iv xmlns: marc = “http://www.loc.gov/MARC21/slim “XMLNS: PHP =”

Tipo di accesso : Accesso gratuito
Anno : 2018
Parole chiave : : Influenza spagnola, occupazione, prima guerra mondiale, epidemia, epidemologia, notebook, immaginario , malattia, evacuata : Italiano
doction : facoltà di filosofia, arti e lettere
laurea : master in cronologia

T

Bibliografico Riferimento

Brulard, Benjamin. L’influenza spagnola in Belgio occupata (1918-1919): analisi epidemiologica e studio dell’immaginazione e della percezione dell’epidemia attraverso i warbook. Facoltà di filosofia, arti e lettere, Università Catholica di Louvain, 2018. Prom. : Debruyne, Emmanuel; VANWAMBEKE, SOPHIE.

URL PERMANENTE

http://hdl.handle.net/2078.1/thesis:16082

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *