Le calorie alimentari sono sempre state calcolate da un metodo sviluppato da un farmacista americano, w.o. Atwater. Permette di conoscere l’assunzione di energia netta di un cibo tenendo conto delle diverse perdite causate durante il processo di digestione. Quindi le proteine e i carboidrati contengono 4 calorie per grammo, i lipidi 9 calorie e il 7 calorie alcolici per grammo.

Anche se è noto a lungo che la cottura di amido amido aumenta la loro digeribilità (prova a mangiare Riso grezzo), la domanda era meno chiara per quanto riguarda fonti di proteine come carni. Rachel Carmody e il suo team dell’Università di Harvard hanno quindi paragonato due gruppi di topi che hanno ricevuto carne o inondazione successivamente cotti o inondazioni o patate dolci schiacciate.

Alla fine dell’esperimento, i topi del gruppo con il cotto carne e / o la patata dolce cucinata erano significativamente più grandi delle loro controparti che hanno ricevuto carne cruda, senza essere spiegata da una differenza nell’attività fisica o nell’assunzione di cibo.

La cottura sembra quindi aumentare la biodisponibilità delle proteine di carne , aumentando il numero di calorie assorbite. Se alcuni possono vedere un’ulteriore spiegazione per il sovrappeso, che colpisce le società moderne, Rachel Carmody, esso, attira l’attenzione sull’aspetto evolutivo: se è comunemente accettato per diversi anni rispetto al bene prima dell’osservato nel Paleolitico in termini di sviluppo del cervello umano sarebbe A causa del consumo di carne, suggerisce che è piuttosto cucinare che ci avrebbe dato questo vantaggio: tirando più energia dal nostro cibo. È anche il punto di vista del Picq Pascal, professore associato presso il laboratorio di paleoantropologia e la preistoria del Collegio della Francia che ci ha illuminato sul legame tra il cibo e l’evoluzione dell’uomo: vedere la sua intervista

Trova i nostri record sul regime preistorico: clicca qui.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *