Obiettivo dello strumento
Questo strumento sfrutta direttamente la griglia dell’analisi dei problemi.
Difficoltà a usare Easy – Moderato – per persone esperte / facilitatori

Descrizione dell’utensile

Preparazione di una comunità provvisoria del piano d’azione Aiuta i membri della comunità a investire realisticamente e concretamente nel pianificare il proprio sviluppo . Portando tutta la comunità a una riflessione sulle risorse e il possibile coinvolgimento di tutti, tutti diventano consapevoli delle sue capacità e risorse già disponibili.

Quindi lasciamo la colonna di possibili soluzioni di sviluppo. Per concentrarsi su Le risorse necessarie per la loro attuazione, su gruppi (locali ed esterne) da coinvolgere e quando le attività potrebbero iniziare.

Esempio

Il piano d’azione comunitario provvisorio preparato da Gli abitanti del villaggio di Jeded (District de Gardo), in Somalia, si basano sui problemi prioritari identificati nella griglia dell’analisi dei problemi (vedi Esempio C3). Ad esempio, una delle possibili soluzioni per risolvere il problema della salute degli animali era costruire un bacino in cui immergere gli animali.

La costruzione di questo lavabo appare nella prima colonna della griglia dove sono indicate le attività di sviluppo proposte. Le risorse necessarie per costruire la bacinella includono la forza lavoro per scavare il foro, il cemento, i mattoni e la sabbia. I gruppi comunitari che coinvolgono sono il Consiglio degli Alumni del villaggio e il gruppo di giovani, che sono stati identificati attraverso il diagramma di Venn e il profilo istituzionale. I gruppi esterni da coinvolgere sono GTZ e Africa 70, due organizzazioni che hanno già supportato attività di sviluppo nella regione.

Jedod Village Village Provisional Community Action Plan, distretto di Garo, a nord-est di Somalia

Passaggi nell’uso dello strumento

  1. utensile è convocata una nuova riunione della comunità. Poteva sopportare lo stesso giorno della presentazione della rete di analisi della presentazione (forse dopo un pranzo con tutti i partecipanti). Anche le donne e gli uomini devono partecipare e tutte le categorie socio-economiche devono essere rappresentate. Gli esperti tecnici di organizzazioni esterne partecipano anche a questo incontro.
  2. Avremo preparato in anticipo su carta i vergini vergognosi del piano d’azione comunitario. Ogni tabella riguarda un problema prioritario e include diverse colonne: nel primo sono le attività (da possibili soluzioni identificate nella griglia dell’analisi dei problemi).
  3. I membri della comunità e gli esperti tecnici sono invitati a discutere le risorse necessario per implementare ogni attività. Nella seconda colonna vengono quindi registrati le risorse ritenute necessarie, per non menzionare terreni, acqua, forza lavoro, ingressi, formazione, ecc. Alla comunità viene chiesto ai partecipanti quali sono le risorse già disponibili nella Comunità e quali risorse dovranno provenire dall’esterno.
  4. La terza colonna è dedicata ai gruppi che saranno coinvolti nell’attuazione di ogni attività. È importante, a questo punto, consultare il diagramma di Venn e i profili istituzionali preparati come parte dell’analisi del contesto di sviluppo. Quali sono i gruppi e le organizzazioni a livello locale che possono fornire assistenza? Quali sono le agenzie esterne che possono fornire assistenza? Per ogni organizzazione esterna identificata, si può provare a identificare un gruppo locale: questa sarà un’opportunità per stabilire una partnership!
  5. nella quarta colonna, la data è indicata a cui è stimato che ogni attività di sviluppo può iniziare I calendari stagionali sono utili per la ricerca di fluttuazioni stagionali in termini di clima e carico di lavoro.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *