Summary: Cipn indotto da sali di platino, taxani, alcaloidi di Il per Pernche, Bortezomib, Thalidomide e Erbulin sono un freno al loro uso. Infatti, questi effetti indesiderabili, il più spesso spesso dipendente e dose-limitanti costringono i medici per ridurre la dose di fermare prematuramente il trattamento, compromettendo così le possibilità di guarigione del paziente. La tabella clinica di Cipn, include sintomi sensoriali accompagnati o non con sintomi motore e / o autonomici che possono essere seri e disabilitati. Le modalità di apparizione di Cipn sono sia acute (ossiliplatina e paclitaxel) che croniche e sintomi cliniche possono diventare irreversibili. Molti trattamenti preventivi e curativi sono stati testati in questa indicazione, con più o meno successo. In preventivo, i primi risultati della Venlafaxina stanno incoraggiando e richiedono studi complementari, curativi, la duloxetina ha dimostrato la sua efficacia nel trattamento del CIPN riducendo i sintomi sensoriali e il dolore neuropatico. Infine, molti studi clinici provano l’efficacia delle nuove molecole per completare e migliorare l’arsenale terapeutico attualmente disponibile per i medici per alleviare i pazienti con cipn. Questo libro, fa scorta di tutti i diversi trattamenti esistenti e lo studio, facendo affidamento sulle raccomandazioni dell’Asco.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *