Gli autori segnalano un caso di “Cortical sordità “: il paziente era in disabilità totale per identificare il linguaggio orale, i suoni familiari e la musica, mentre non vi era alcuna modifica significativa delle attuali soglie di audiometria. C’erano prove, cliniche e radiologia, una lesione sinistra temporale; una lesione più anziana situata sul gli apparecchi acustici controlaterali sono stati molto probabili. I test psicoacustici hanno evidenziato questo paziente: una fragilità di brevi stimoli sonori, difficoltà nell’appropriarsi di una suite estesa di stimoli sonori (ritmi), un deefault della posizione audio, un aumento dell’effetto maschera homo- e eterolaterale . Le soglie differenziali di intensità e frequenza così come le soglie di fusione sembravano vendette di poco colpite. Potenziali L’udito océs è apparso solo per intensità molto maggiori rispetto alle soglie audiometriche; A differenza delle soglie audiometriche, l’ampiezza dei potenziali menzionati molto diminuita dopo 9 mesi di evoluzione. Il significato fisiopatologico di ciascuno di questi risultati è brevemente discusso.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *