• notizie
  • aggiornato il 04/10/2018

    Lettura 1 min.

    Dr. Gesù cardenas

    Dr. Jesus cardenas Doctissimo Direttore medico

    Avk Interaction

    L’effetto anticoagulante dell’antivitamin k (AVK) è modificato da molti alimenti e medicinali, compresa la base dell’impianto. Attenzione quindi.

    degli alimenti incriminati, pompelmo o integratori alimentari basati su olio di pesce o glucosamina omega-3-ricco o glucosamina possono promuovere overdoses di AVK e quindi emorragia. Questo stesso effetto è osservato con prodotti a base vegetale come il mirtillo, Ginseng, Ginko Biloba o Serenoa repens. D’altra parte, l’educazione di San Giovanni riduce l’effetto di AVK e quindi espone il rischio di trombosi.

    L’assunzione di vitamina K irregolare in alimentatore è una causa di instabilità INR, test di coagulazione che consente di monitorare e regolare le dosi di AVK per un effetto anticoagulante ottimale. Il consumo regolare di alimenti ricchi di vitamina K (verdure verdi e in particolare cavoli, broccoli, spinaci e lattuga) limita queste varianti.

    È quindi importante che i pazienti sottoposti a AVK monitorano i loro contributi di vitamina K e impediscono il proprio medico o altro caregiver consultato il loro trattamento in modo da essere informati in dettaglio i rischi delle interazioni farmacologiche da tenere in conto.

    Jesus cardenas

    Leave a comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *